Abstract influenza aviare in falconeria

In uno studio sui falchi impiegati in falconeria e le prede cacciate, che potete leggere al seguente link,

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21513552

si è voluta verificare la presenza in essi dei vari ceppi di virus dell’influenza aviare. Questo per verificare che i falconieri non fossero una delle categorie più esposte al contagio vivendo a stretto contatto con queste specie.

Lo studio è stato condotto in Germania  ed i falchi da caccia esaminati sono stati 54.

Attraverso un tampone cloacale e tracheale si sono esaminate inoltre 1080 prede.

I risultati sono molto interessanti, dato che sono stati isolati i virus in ben 74 gabbiani (specie cacciabile in Germania) e in 53 anatre, pari al 11,7% degli esemplari esaminati.

Al contrario, il 100% dei rapaci è risultato negativo, così come i falconieri.

Iacopo Stefanini